Otis Grand & the Gamblers - Macallè Blues

Vai ai contenuti

Menu principale:

News & Revues > Recensioni

I concerti...
Otis Grand
with Guitar Ray & the Gamblers

Martedì 4 agosto 2015: a Novi Ligure (AL) sul palco montato nella bella cornice di Piazza Dellepiane è salito Otis Grand accompagnato dai suoi sodali di lunga data Guitar Ray & the Gamblers. E' cosa rara poter assistere a concerti di artisti internazionali dalle nostre parti, dunque ben volentieri cogliamo l'occasione al volo. Otis Grand è personaggio saldamente legato al mondo del blues: chitarrista di pregio, grande conoscitore del genere, interprete della miglior tradizione d'oltre oceano nonchè leader di una delle migliori big band di R&B europee (Grand, infatti, vive da anni a Londra), band che fa il paio con i sempre verdi Roomful of Blues americani. Guitar Ray & the Gamblers, invece, sono una delle migliori realtà italiane di blues: capitanati da Renato "Guitar Ray" Scognamiglio, non a caso hanno accompagnato in questa, come già in altre situazioni, Grand che è stato proprio il produttore dei loro primi due dischi, New Sensation e Poor Man Blues. Il concerto, tenuto nell'ambito di questo breve ed estemporaneo tour estivo, è stata l'occasione per ripercorrere buona parte della tradizione del blues elettrico e rispolverare brani tratti dall'ultimo disco di Grand Blues '65 come i classici Pretend e il country-gospel I Washed My Hand In Muddy Waters. Otis Grand è chitarrista intenso, coinvolgente; sa trascinare e affascinare la platea. Gigioneggia col pubblico e, durante un torrido, lunghissimo slow blues in minore, scende dal palco e passa in rassegna buona parte degli astanti, dedicando a ognuno (donne in primis), porzioni del suo torrenziale solo. Guitar Ray e soci non sono da meno; da consumati professionisti, sanno assecondare ottimamente il, peraltro ben noto, ospite, contribuire a coinvolgere il pubblico e affrontare anche le eventuali soprese e i repentini, soprendenti, cambi di scaletta. La band, presente nella sua versione "full optional" comprende, oltre al sempre presente Gabriele "Gab D" Dellepiane al basso, il recente acquisto Marcello Borsano alla batteria, gli ottimi J.P. Lo Bello e Paul J. Maffi rispettivamente alla tromba e al sax tenore e, in più, l'altro ospite della serata, Pippo Guarnera, gran maestro dell'Hammond, qui alle tastiere. C'è solo da augurarsi che, da questo palco, possano ripetersi, in un prossimo futuro, ancora eventi del genere. G.R.    

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu